Lettera del Segretario Regionale al Presidente Zaia

Sconcerto e mortificazione della categoria per il documento sottoscritto da tutte le Regioni
Nuova pagina 1

I MEDICI DI MEDICINA GENERALE — FIMMG DEL VENETO
LETTERA APERTA AL PRESIDENTE ZAIA


Le gravi colpe del medico di famiglia


Egregio Presidente,
siamo rimasti sconcertati dal documento elaborato e sottoscritto da tutte le Regioni nell\'ambito della Conferenza Stato-Regioni — "Prima analisi criticità e possibili modifiche nelle relazioni SSN/MMG in particolare nella prospettiva della riforma dell\'assistenza territoriale determinata da PNRR" — che offre un\'interpretazione falsa e fuorviante sui motivi della sofferenza della Medicina Generale e con essa dell\'assistenza e cura della nostra popolazione.
Sembra, così anche per la nostra Regione, acquattata e omologata all\'interno della Conferenza stessa, che il Medico di Medicina Generale da figura centrale del SSN, grazie alla sua capillarità, alla sua prossimità e al rapporto fiduciario con i pazienti, sia diventato la causa di tutte le inefficienze e persino delle morti dei molti Colleghi deceduti durante questa pandemia.
Nostra è la colpa della disorganizzazione, nostra è la colpa perché non avevamo i dispositivi di protezione, nostra la colpa di ogni debolezza.
II nostro Veneto non è affatto esente da colpe come i tanti Governi che, in questi ultimi anni, sono stati promotori del costante impoverimento finanziario e professionale che ha colpito tutta l\'Assistenza Primaria, scoprendo un Paese povero di idee e di capacità progettuale ma ricco di opportunismo e di codardia, incapace di assumersi le responsabilità vere di una crisi tutta politica e per nulla addebitabile agli operatori sanitari.
La Medicina Generale del Veneto merita il riconoscimento di quanto fatto specie in una condizione drammatica come quella della Pandemia da SARS-CoV-2.
Lei sa bene quali sacrifici siano stati fatti dai medici di famiglia in questa Regione; in alcune aziende sanitarie abbiamo auto-organizzato i microteam per le visite domiciliari dei positivi prima dell\'istituzione delle USCA; abbiamo proposto e condiviso con la Regione di assumerci un ruolo di responsabilità in un ambito di sanità pubblica sostenendo i SISP con la nostra azione certificativa, di tracciamento e di monitoraggio dei nostri cittadini — pazienti.
Lei sa bene come e quando abbiamo attivato i test sierologici, eseguito i tamponi antigenici anche su base volontaria anticipando gli accordi nazionali; abbiamo svolto una Campagna vaccinale antinfluenzale tra le più diffuse ed efficienti in Italia.
Lei sa bene quanto abbiamo penato per avere forniture dignitose di vaccini anti SARS-CoV-2 pur avendo offerto un\'immediata e diffusa disponibilità a partecipare alla Campagna; a fronte della nostra disponibilità della realizzazione di tanti centri vaccinali organizzati con i Comuni siamo stati lasciati senza forniture.
Lei sa bene la nostra lealtà e la nostra vicinanza alla popolazione e la lealtà con la quale abbiamo affiancato e stiamo affiancando la Regione Veneto in questo difficile periodo storico ricco di incertezze, ma anche con opportunità straordinarie per il cambiamento e il miglioramento del nostro Sistema Sociale e Assistenziale. Intorno alla Medicina Generale è calato il silenzio nella nostra Regione e noi soffriamo il silenzio del nostro Veneto.
Gentile Presidente, crediamo sia giunto il momento di chiarire davvero quale sia il ruolo e quali le prospettive
della Medicina Generale: non abbiamo più tempo, gli impegni per la prossima Campagna vaccinale
antinfluenzale e anti SARS-CoV-2 sono vicinissimi. Sono settimane che non riusciamo a dialogare, le notizie le apprendiamo dalla stampa, i nostri Colleghi sono esasperati dall\'eterna incertezza e non abbiamo prospettato insieme un orizzonte organizzativo possibile.
Lei sa bene le condizioni drammatiche della Continuità Assistenziale e delle numerose Zone carenti non coperte da MG titolari, dato mai riscontrato nella storia moderna della nostra Regione.
Gentile Presidente, questo quadro disorienta e induce i Giovani Colleghi a rinunciare alla Medicina Generale come prospettiva per il futuro professionale: in questa fase storica la Medicina Generale è stata svuotata di futuro.
Ci dica se i giudizi così negativi e offensivi riportati nel documento dagli assessori delle sanità delle Regioni sui medici di famiglia sono condivisi anche da Lei e dall\'Assessore alla Sanità, dottoressa Manuela Lanzarin, oppure la Regione Veneto si dissoci dall\'analisi e dai giudizi espressi nel documento.
Abbiamo bisogno di un segnale concreto di vicinanza, di considerazione; noi ci aspettiamo un chiarimento immediato.
Venezia, 24 settembre 2021
Cordialmente
Maurizio Scassola
Segretarie Generale Regionale FIMMG del Veneto
 

link al documento pdf originale

Pubblicato il 24 September 2021

Torna alla Homepage